lunedì 9 febbraio 2015

Quindi

In questi due giorni ho conosciuto l'inferno, il purgatorio e un angolo di paradiso finale.
Ed ho pure il ciclo.
Ormonalmente quindi già non stavo predisposta e di certo le situazioni che mi si sono presentate non hanno agevolato il mio equilibrio psicologico.

Ho capito una, anzi, due cose:
1- mai prendere impegni (importanti) di lavoro quando ho il ciclo: già è difficoltoso prepararsi all'evento (come mi vesto? visto che in questi giorni sono gonfia come una mongolfiera e nulla mi sta bene, non mi piace), se poi lo affronti con il nervoso già di partenza, rischi di sfangare tutto e prendere decisioni troppo velocemente, dettate da un impulso insensato.
2-la seconda cosa che ho capito: mai fidarsi di nessuno.

Eppure oggi sto BENE: dopo un sabato notte/domenica primo pomeriggio passati sotto le coperte, a fare l'amore/sesso selvaggio, condito da morsi e sculacciate (il ciclo non è un problema, visto che si può ovviare in altri modi..), oggi mi sento purgata.

Tutto qua.



11 commenti:

  1. Perché te sei mai fidata? ;)

    RispondiElimina
  2. Tu ti sei fidata sul lavoro!? O__O

    RispondiElimina
  3. siete delle vipere, mi chiedo come (ancora) vi sopporto

    RispondiElimina
  4. Ho conosciuto donne che durante il ciclo affermavano di godere di più. Per me non è mai stato un problema.
    Davvero è nnecessario ovviare con altri modi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io godo a ciclo continuo :P
      nemmeno per me è un problema, specie se per ovviare (a volte) si procede col piano B ;-)

      Elimina
    2. Mi prendi per il culo?

      ... Dio rido da sola per una domanda seria che può passare come un invito

      Elimina
    3. Sconceria imporrebbe un "magari!". Ma farò il bravo ;)

      Elimina
    4. Comunque per risponderti: no, ero serissimo.

      Elimina
    5. Allora grazie :-)
      Quando mi offri un caffè?

      Elimina
  5. E questa delle sculacciate non la sapevo... :)

    RispondiElimina

non solo pinte, qua